Previsti 150 appartamenti a «basso impatto»

Previsti 150 appartamenti a «basso impatto»
Quattro edifici, da otto e dieci piani, identificati con i nomi di altrettanti elementi della natura e cioè aria, acqua, fuoco e terra, a formare il complesso Harmonia. È il piano – illustrato a L’Arena il 12 luglio 2020 da Industrie Edili Holding Spa, che con la consociata Gic Srl è titolare dell’intervento – con caratteristiche innovative, che si propone «di incrementare la biodiversità vegetale dell’area attraverso la densificazione verticale del verde che contribuirà a mitigare il microclima». Il tutto per costruire «residenze dall’alta qualità costruttiva, in cui comfort e benessere abitativo e psicofisico possano ritrovare un dialogo armonico con la natura». Lo diceva in una nota Industrie Edili Holding Spa, che con la consociata Gic Srl è titolare dell’intervento. Sino a quel momento si era parlato si è parlato di circa 150 appartamenti, oltre a un supermercato di medie dimensioni. Ed è quello, Aldi, già costruito. «Il complesso Harmonia potrà subire variazioni al progetto riferite ad altezze e distanze» e i rendering «sono da considerarsi indicativi». Parole di due anni fa. I cantieri cominceranno in autunno. Il progetto «si distingue per la cura riservata al disegno delle facciate verticali, scandite attraverso giochi di vuoti e pieni, in cui logge ampie e profonde danno vita a vere e proprie stanze da vivere all’aperto». In pratica terrazze, con giardini e aree verdi pensili «che potranno beneficiare anche di percorsi pavimentati trattati con biossido di titanio, in grado di assorbire anidride carbonica». Si punta «all’apporto di luce naturale», «ad alti livelli di efficienza energetica».

Enrico Giardini

Condividi questo post