Il Teatro Laboratorio trasloca

Ecco qui, nei primi giorni di agosto abbiamo sgomberato i locali del padiglione 2c che avevamo ristrutturato, amato e dei quali abbiamo avuto cura per 10 anni (come prima era stato nella sede storica del Teatro Laboratorio di Verona dal 1974 al 2009 alla funicolare).

Ci dispiaceva darvi la notizia e così abbiamo tardato perché è una cosa molto triste e dolorosa, ma ora ci dicono che dobbiamo comunicarlo e così ecco alcune foto del trasloco.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per il momento il TEATRO LABORATORIO si trasferirà nello Spazio Archivio messo a disposizione dalla famiglia Caserta
(il Teatro Scientifico – Teatro Laboratorio con il suo archivio storico è membro dell’Associazione Nazionale Archivi Italiani).

Intanto il Teatro Scientifico, alla soglia dei suoi 54 anni di attività, nuovamente si rimbocca le maniche e si accinge a ricostruire,
come sempre a proprie spese, la sua futura sede
(che questa volta non sarà un bene pubblico).

Grazie ai tantissimi che sono passati e ci sono stati vicini con bellissime parole e tanto affetto nei (inutile negarlo) difficili, dolorosi e amari giorni dello sgombero.

Se vi fa piacere seguiteci nell’avventura che porterà alla nuova sede del TEATRO LABORATORIO DI VERONA
www.teatroscientifico.com

Tratto dal giornale online VERONA IN – Cultura

Il Teatro Laboratorio abbandonato da una Verona troppo distratta

Mario Allegri: «Una giunta politica che non sa decidersi da anni da quale porta fare entrare i visitatori della Casa di Giulietta sa decidere senza esitazioni di sbarazzarsi di un gioiello culturale come il Teatro Scientifico, senza offrire subito una alternativa degna di quanto la famiglia Caserta tutta ha donato alla città. Città sorda e ingrata verso chi fa vera cultura, e non a caso rappresentata nella sua politica culturale da figurine tanto patetiche e sprovvedute quanto supponenti».

Giancarlo Beltrame: «54 anni sono una vita. Avete dato tantissimo a questa città, i cui attuali rappresentanti in amministrazione meritano solo rampogne per la vergogna di non aver saputo trovarvi un’alternativa dignitosa al luogo da cui vi mandano via. Saremo al vostro fianco».

Elisa La Paglia: «Funziona così a Verona, non si concedono veri spazi pubblici per la cultura. Nemmeno quando sono gli stessi operatori della cultura a spendere per ristrutturarli. Gli affitti agevolati, agevolano gran poco, molto meno dei costi di manutenzione, anche straordinari, indispensabili per aprire e tenere le strutture aperte negli anni. Le promesse, nei tanti anni di vita del Teatro Scientifico, si sono sprecate. È un giorno triste per tutti noi, per il Teatro Scientifico, per l’Arsenale. Allo stesso tempo la forza e la professionalità delle e dei suoi protagonisti sono tali che ovunque andranno lì seguiremo. E ci faremo trovare pronti per dare loro una mano nei modi e nelle forme che loro stesse sceglieranno! Ps e non è un problema di fondi! Perché anche nel settore cultura abbiamo appena assistito ad uno spreco di fondi da primato».

Orietta Salemi: «Siete un pezzo di storia veronese e non solo. Siete quanto ancora di meglio Verona riesce a dire e dare di sé. Forza Teatro Laboratorio, siamo con voi!».

Mao Valpiana: «Dispiace, molto. Non conosco i retroscena, ma posso immaginare. Il Comune inizia (finalmente!) l’iter per la ristrutturazione dell’Arsenale, e deve garantire alle ditte appaltanti l’agibilità di tutti gli spazi; quindi comunica al Teatro Laboratorio che dal giorno x i locali devono essere lasciati liberi. Buon senso e logica politica avrebbero voluto che il Comune comunicasse contestualmente al Teatro Laboratorio la concessione di un altro adeguato spazio pubblico (migliore!). Invece pare che ciò non sia avvenuto, e che il T/L sia stato abbandonato a se stesso e abbia dovuto arrangiarsi, trovando una soluzione privata. Inaccettabile. Altro scandalo: possibile che l’annuncio sia stato affidato al Teatro Laboratorio stesso, e il Comune, nelle persone del Sindaco e dell’Assessore alla cultura Francesca Briani, non abbia sentito il il dovere morale e politico di assumersi la responsabilità e fare l’annuncio, dando una spiegazione ai veronesi? Veramente paradossale. Ma in che città viviamo?».

Patricia Zanco: «Passare il tempo a costruire arsenali anziché diffondere libri è deleterio forse letale per la nostra specie. Questo lo diceva Gino Strada sarebbe utile infilarlo negli uffici comunali».
Anche la nostra redazione esprime solidarietà e vicinanza alla famiglia Caserta.

Cinzia Inguanta

Condividi questo post