«Non c’è differenza» Il palco oltre le barriere

IL FESTIVAL Oggi alle 18 l’anteprima al T-Lab Spazio Archivio
«Non c’è differenza» Il palco oltre le barriere
Isabella Caserta: «Da sempre ci occupiamo del tema dell’inclusione, certi della funzione sociale del teatro»

L’altro da sé al centro della scena e dell’incontro per una cultura del rispetto e dell’inclusione. È questo il focus del festival Non c’è differenza, ideato e diretto da Isabella Caserta, organizzato dal Teatro Scientifico – Teatro Laboratorio e giunto quest’anno alla sua ottava edizione. “Da sempre, come Teatro Scientifico Teatro Laboratorio, ci occupiamo della tematica dell’inclusione, e lo abbiamo fatto già dalla fine degli anni ’60, quando ancora non se ne parlava. Era Il teatro sociale di comunità”, spiega Isabella Caserta. “Le forme sono state le più varie, dagli spettacoli di teatro carcere al laboratorio di mimo per persone sorde condotto da Ezio, che portava il nome di Teatro del silenzio. Gli spettacoli dedicati a persone con fragilità rappresentano la funzione sociale del teatro, in cui abbiamo sempre creduto. E così, a partire dal 2014, ogni anno a Verona per una decina di giorni confluiscono spettacoli, laboratori, dibattiti, proiezioni. Con accesso gratuito e la cifra simbolica di un solo euro per gli spettacoli e le proiezioni, per dare a tutti la possibilità di accedere”. In linea con l’intento dell’evento, le quattro location che ospitano gli appuntamenti, Spazio Archivio TS-TL, Archivio di Stato, Bastione di San Zeno, Habitat Ottantatré, sono accessibili alle persone con disabilità. Un’iniziativa di risonanza nazionale, questa, tanto che nel 2019 il progetto del Festival ha vinto il premio della Fondazione Olivetti primo classificato nella sezione Cinema e Teatro con la seguente motivazione: “Per l’avvicinamento al mondo della disabilità e la diffusione della cultura del reciproco rispetto attraverso la veicolazione dell’idea che la differenza può essere un arricchimento”. Si parte oggi, 10 giugno, alle 18, con l’Anteprima Festival: al T-Lab Spazio Archivio con Raccontare l’archivio TS/TL – 54 anni di arte inclusiva tra cambiamento e storia, una giornata immersiva/sensoriale con performance che è anche parte del Festival Archivissima/La notte degli archivi. Il festival vero e proprio prende il via il 17 giugno e si conclude il 26, affrontando i temi dell’identità e delle differenze attraverso il teatro, la fotografia, reading e dibattiti, con artisti coinvolti in appuntamenti dedicati al tema dell’inclusione e alle pratiche di cittadinanza attive, capaci di coinvolgere e strappare alla marginalità le categorie più fragili, dagli adolescenti agli anziani, dai migranti alle persone con problemi psichici, che affrontano ogni giorno le difficoltà dell’inserimento in una società contemporanea spesso disattenta. Tra gli ospiti, Alessandro Garzella, Satyamo Hernandez, Michele Gazich, Massimo Giovara, Claudio Ascoli, Sissi Abbondanza.Il programma completo è consultabile sulla pagina Facebook Festival Non c’è differenza 8° edizione, tutte le informazioni anche sul sito www.teatroscientifico.com, mail info@teatroscientifico.com, tel. 045.8031321..

Condividi questo post