INCONTRO DI PRESENTAZIONE ARCHIVIO TEATRO SCIENTIFICO/T.LABORATORIO

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2022 (European Heritage Days) l’Archivio di Stato di Verona (via Santa Teresa 12, Verona) organizza diverse iniziative, domenica 25 settembre, alle ore 11, presso l’Archivio di Stato di Verona, ci sarà l’incontro di presentazione dell’Archivio del Teatro Scientifico/Teatro Laboratorio tenuto dalla Direttrice Artistica Isabella Caserta. Il Teatro Scientifico – Teatro/Laboratorio è una struttura stabile di produzione teatrale riconosciuta dal Ministero della Cultura, operante dal 1968. Orienta la propria produzione in particolare verso la drammaturgia contemporanea, il teatro civile, sociale e di comunità, reinterpreta testi classici, spesso lavora in site specific, realizza progetti artistici e di formazione, organizza rassegne, eventi e il Festival “Non c’è differenza”. Ha una sezione di studio e ricerca antropologica sulla Commedia dell’Arte. Ha fondato e dirige il Teatro Laboratorio di Verona. Nel 2011 viene inaugurata la sezione Nuove Officine Cinematografiche per la produzione di opere cinematografiche e audiovisive. Gestisce l’Archivio del Teatro Scientifico – Teatro Laboratorio.
L’attività prenderà il via sabato 24 settembre alle ore 10.30 nell’attuale sede dell’Archivio di Stato. La dott.ssa Chiara Bianchini, direttrice della sede veronese dell’Archivio di Stato, introdurrà il tema della prima giornata presentando quale esempio di efficace attuazione dell’obiettivo comunitario, la documentazione progettuale del restauro del Magazzino nel quale si trovano i depositi archivistici. Seguiranno tre interventi volti a mettere in luce la mutazione nei secoli del rapporto tra la città e i suoi corsi d’acqua, nello specifico dell’ex Adigetto, primo step di un percorso che vedrà studiosi di storia cittadina impegnati a far conoscere attraverso la cartografia storica e i documenti d’archivio il ruolo dell’acqua nello sviluppo di Verona. Il tema della “morte dell’acqua” nella società industriale è, infatti, oggi alla base di tutte le problematiche della sostenibilità della crescita urbana, attenta a ricucire le esigenze della contemporaneità senza intaccare la delicata e vitale trama dell’eredità storica. Concluderà la giornata la visita all’esposizione di alcune delle più significative cartografie storiche relative al corso dell’ex Adigetto, conservate presso l’Archivio di Stato sede di Verona.
Nella giornata di domenica 25 settembre, il programma prevede alle ore 11.00 l’incontro con Isabella Caserta, a seguire la dott.ssa Chiara Bianchini terrà una conferenza su Felicita Bevilacqua (1822 – 1899): nobildonna, patriota, filantropa e mecenate dei giovani artisti con rassegna documentaria su Felicita Bevilacqua e visita ai depositi dell’Archivio di Stato di Verona.
Le Giornate Europee del Patrimonio costituiscono il più partecipato degli eventi culturali in Europa, promosso dal 1991 dal Consiglio D’Europa e dalla Commissione Europea. Lo scopo della manifestazione è far apprezzare e conoscere a tutti i cittadini il patrimonio culturale condiviso e incoraggiare la partecipazione attiva per la sua salvaguardia e trasmissione alle nuove generazioni. Il tema italiano delle GEP 2022: “Patrimonio culturale sostenibile: un’eredità per il futuro” riprende e amplia lo slogan europeo “Sustainable Heritage” scelto dal Consiglio d’Europa e condiviso dai Paesi aderenti alla manifestazione e lo amplia con una riflessione sul patrimonio culturale come eredità per le generazioni future. La tematica è di attualità e propone una riflessione sulla gestione sostenibile del patrimonio culturale e del paesaggio e, allo stesso tempo, su come questo possa contribuire a un futuro più sostenibile da un punto di vista ambientale, sociale ed economico, anche in funzione del raggiungimento degli specifici obiettivi fissati dalle Nazioni Unite per il 2030.

 

 

Condividi questo post