“Turisti…non per caso”

“Turisti…non per caso” vuole essere un viaggio ricco di sorprese per conoscere da vicino luoghi di culto meno noti della nostra provincia con l’opportunità di scoprire i segni della fede disseminati in un territorio esso stesso tutto da svelare.
Così scrive nella prefazione di questo prezioso volume l’autrice Cecilia Tomezzoli, cittadina del nostro borgo, appassionata studiosa d’arte del nostro territorio in particolare del Baldo e della zona affacciata sul lago di Garda.
E oggi, dalla sua viva voce, con il supporto di belle diapositive, abbiamo l’occasione straordinaria di ascoltare interessanti e curiose notizie su alcune delle chiese più significative di questa zona, legate ad una fede popolare, ricca di tradizioni millenarie che in molti casi si rinnovano ancora oggi. Eccone qualche testimonianza.
Eremo dei Santi Benigno e Caro, arroccato ad una parete del Baldo, con un dipinto all’interno raffigurante San Zeno.
San Nicola, affacciata sull’isolato di Assenza, frazione di Brenzone, dedicata al santo protettore dei naviganti con all’interno una pregevole “Ultima Cena”.
Chiesa di San Zeno a Castelletto di Brenzone, chiamata “San Zen de l’Oselet” per l’ uccellino che svetta sul campanile.
Chiesa di San Gregorio, la più antica della zona, risalente al medioevo, con un ciclo di affreschi all’interno che ritraggono San Bartolomeo scorticato vivo.
Lazise, il più antico comune del territorio, con la chiesa di San Nicolò prospiciente il porto con il suo campanile barocco.
Villa Torri Giuliani, complesso molto bello del ‘400, ad Albare’ con annessa chiesa del ‘700,molto sobria, che conserva quadri del Tedeschi, noto pittore che si ispira allo stile di Goja.
Alte montagne sovrastano la piccola chiesa di S. Michele Arcangelo che è stata eretta nel 1562 ed è la testimonianza di più passaggi architettonici. Poco conosciuta, è un luogo di silenzio e preghiera circondato da una natura lussureggiante ed incontaminata. La parte più antica della Chiesa è quella romanica che si nota nel campanile e nella fondazione dell’abside.

Condividi questo post